La vita di ognuno di noi ci pone di fronte a dei momenti di sofferenza e di crisi. La maggior parte delle volte, grazie alle nostre risorse personali e all’aiuto dei nostri cari ed amici, riusciamo a superarle senza impantanarci in esse. Alcune volte abbiamo invece bisogno dell’aiuto di un professionista per poter accettare, trasformare e superare questi momenti. Essi possono essere dovuti a una specifica causa o essere legati a una certa fase della nostra esistenza, per ognuno particolare e unica. A volte non riusciamo a individuare una causa evidente del malessere, e nasce il desiderio di conoscere noi stessi più profondamente.

Riconoscere di avere bisogno di un professionista, che ci accompagni per un tratto di strada, non è atto di debolezza, semmai di coraggio e fiducia, primo passo verso un nuovo benessere.

Scopo dello psicologo è promuovere il benessere psicologico della persona, e operare per migliorare la sua capacità di comprendere sé stessa e comportarsi in maniera consapevole ed efficace. Egli garantisce il segreto professionale e si impegna per tutelare primariamente la dignità della persona.

Il lavoro psicologico inizia con una graduale conoscenza tra psicologo e persona. Strumento privilegiato è il colloquio, in cui l’individuo non viene giudicato, ma anzitutto accolto. Non esistono soluzioni, strade o sentieri predeterminati o uguali per tutti; lo psicologo e la persona, in base agli obiettivi individuati insieme, intraprendono un percorso – mai scontato – teso all’ampliamento della libertà dell’individuo.